Notte “Verde”: L’Innovazione Responsabile: s-legàmi – 17 e 18 maggio 2013, Forlì

Notte “Verde”: L’Innovazione Responsabile: s-legàmi – 17 e 18 maggio 2013, Forlì

Si è svolto nel centro storico di Forlì, il 17 e 18 maggio 2013, l’evento di due giorni e una notte “verde” dal titolo: “L’Innovazione Responsabile: s-legàmi”, all’interno del quale sono state realizzate lezioni, presentazioni di libri, spettacoli e mostre sulla nuova visione di sostenibilità correlata all’innovazione.

Il Prof. Roberto Mirandola, docente dell’Università di Pisa, Presidente onorario del Consorzio Quinn e membro del Comitato Scientifico del CISE – Centro per l’Innovazione e lo Sviluppoi Economico (tra i promotori dell’evento), ha presentato il Progettoi“Lavadora Rodillo”, un lavoro di gruppo svolto nell’ambito del corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale dell’Università di Pisa, e sviluppato in collaborazione con l’Associazione Ingegneria senza Frontiere.
L’associazione si propone di creare uno spazio di progetto comune a “Nord” e a “Sud del mondo<” in cui elaborare, realizzare e diffondere pratiche e tecniche ingegneristiche in grado di favorire la piena realizzazione di tutti gli individui e comunità umane.
Il Contesto Economico-Sociale scelto è stato quello di un paesino sulle Ande Peruviane, a 3800 km di altitudine, la cui popolazione vive in condizioni di forte povertà e in grave carenza di cibo e igiene.
Il progetto Lavadora Rodillo si è concretizzato in un dispositivo che permette di realizzare il processo di lavaggio dei capi in assenza di energia elettrica, acqua corrente e sistemi di scarico, il tutto costruito con materiali di recupero, facilmente reperibili in loco.
Il prototipo realizzato è risultato perfettamente funzionante ed è stato parte integrante della presentazione del progetto.
L’evento “L’Innovazione Responsabile: s-legàmi” ha visto l’adesione di oltre 20.000 persone che hanno partecipato alle manifestazioni, agli incontri dagli aspetti tecnici e imprenditoriali, alle discussioni sull’ innovazione nella politica, nella musica, nelle arti e nella scuola, e con concerti e spettacoli che per due giorni hanno animato la città di Forlì.